{{ "2017-07-31 10:30:00Z" | moment:{inputFormat: 'YYYY-MM-DD HH:mm:ssZ', showAsRelative: false, outputFormat: 'dddd DD MMMM YYYY[,] [ore] HH:mm'} }}

Osservazioni sul secondo trimestre del 2017 di Discretionary

Strumenti negoziati: FX spot e CFD
Classi di asset: FX, indici azionari, commodities, obbligazioni governative
Stile di investimento: Discretionary (non sistematico), Volatilità, Opportunistico  
Rendimento trimestrale: -3,91% (al netto della commissione di servizio, ma al lordo delle commissioni di performance applicabili)
Volatilità del rendimento giornaliero del primo trimestre del 2017: 1.37% 
Operazioni in media a settimana: 12,5 (dall'inizio)

Panoramica di mercato

Nel secondo trimestre del 2017, i mercati hanno continuato a sostenere una volatilità bassa a breve termine, con volatilità bassa del decennio nei titoli azionari nelle obbligazioni e nei mercati valutari. Alla fine del trimestre si è assistito a un nella forma di una correzione del 5% nelle azioni tecnologiche e alcuni cali azionari dopo che Mario Draghi, presidente della BCE, ha suggerito un ridimensionamento progressivo del QE e, inoltre, la Federal Reserve ha annunciato di attendersi una riduzione dei bilanci nella seconda metà del 2017. 

Andando a ritroso nel trimestre, il mercato appare sostanzialmente diverso rispetto agli anni recenti. In aggiunta, la struttura del mercato, la modalità di reazione alle notizie, la velocità e la consistenza dei movimenti, le correlazioni fra i mercati, la relazione segnale-disturbo nei movimenti quotidiani hanno subito modifiche. È convinzione del gestore delle strategie che i mercati finanziari stiano uscendo da un periodo successivo alla crisi e si stiano normalizzando per diventare più efficienti, riducendo le opportunità per le negoziazioni a breve termine.

Performance del portafoglio

Aprile
 -3.4%
Maggio
 2.9%
Giugno
 -3.3%

Nel secondo trimestre, la strategia azionaria di Discretionary ha prodotto un rendimento del -3,91%, ritardando la performance di cui ha beneficiato nei periodi precedenti. Tale risultato è attribuibile alle tecniche di negoziazione convenzionali che si sono dimostrate meno vantaggiose nel periodo, ad esempio, le analisi tecniche incluse sessioni e inversioni, nonché la prioritizzazione del tempo di reazione e la prontezza nella negoziazione. Inoltre, una reazione pro-ciclica alle notizie sulla base della rapida valutazione delle informazioni non è stata redditizia. 

Previsioni

Il gestore delle strategie ritiene che la situazione dei mercati sia simile al periodo 2004 -2006, ove il più appropriato stile di negoziazione equivale a concentrarsi sulla longevità e sulla pazienza, piuttosto che sulla velocità di reazione delle negoziazioni. Di conseguenza, nel terzo trimestre del 2017, maggiore enfasi sarà posta su tempistica e precisione delle entrate e delle uscite delle negoziazioni. Inoltre, le decisioni sulle posizioni dovrebbero avere una maggiore attenzione sugli indizi cumulativi e, in misura minore, sui segnali (ad esempio, eventi singoli o movimenti), dal momento che queste sono facilmente escluse da partecipanti algoritmici. Il gestore delle strategie sostiene che tale cambiamento sia permanente, per lo meno sino alla prossima intensa turbolenza. Preannunciamo che sia il numero delle negoziazioni sia le dimensioni delle posizioni saranno ridotte, principalmente durante il periodo estivo, mentre le transizioni degli stili di strategia alimenteranno l'ambiente di mercato in evoluzione.

Uw browser kan niet deze website goed te bekijken.

Onze website is geoptimaliseerd om te worden doorzocht door een systeem met iOS 9.X en op het bureaublad IE 10 of nieuwer. Als u gebruik maakt van een ouder systeem of de browser, kan de website er vreemd uitzien. Om uw ervaring op onze site te verbeteren, werkt u uw browser of systeem.